Investire nell'era dei prefissi telefonici

Leggendo il titolo molti si domanderanno se Alessandro è impazzito o ha cambiato lavoro .
Nulla di tutto questo ,tranquilli sono ancora il vostro consulente preferito .
Veniamo a spiegare cosa vuol dire investire nell’era dei prefissi telefonici .Sappiamo tutti che le numerazioni telefoniche iniziano con lo zero e così oggi anche migliaia di titoli obbligazionari hanno rendimenti inferiori al punto percentuale ,quindi zero virgola . In molti casi i rendimenti sono addirittura negativi .Si avete letto bene chi investe del denaro alla scadenza prefissata riceverà contrattualmente meno di quanto consegnato .
Le ultime aste di Ctz e Bot a sei mesi hanno fatto si che anche il nostro Paese entrasse nell’elenco dei cosiddetti virtuosi ,o meglio presunti tali. Quindi il risparmiatore paga lo Stato per investire nel suo debito .
Secondo una stima di BofA Meellill Lynch il controvalore di asset a rendimento negativo è di duemila e seicento miliardi di euro .

image

La Germania emette titoli di stato a tassi sotto lo zero fino ai 7 anni ,la Svizzera ha il record, un titolo a 10 anni rende ,allo Stato ,lo 0,29 % che tradotto per i meno avvezzi alla finanza significa che 100.000,00 franchi svizzeri investiti in titoli elvetici daranno dopo 10 anni 97.100,00 con una perdita secca di 2.900,00 franchi alla quale dovremmo aggiungere la diminuzione del potere d’acquisto generato dall’inflazione, insomma un vero e proprio salasso .
Tale contesto colpisce, come si vede nell’immagine successiva ,anche il risparmio postale, ancora molto diffuso in Italia

image

Molti investitori non sono consapevoli di tale scenario e ancora frastornati inseguono remunerazioni non più esistenti.
Perché sta accadendo tutto questo ?

Due lettere ci aiutano a spiegarne i motivi : Q.E (quantitative easing),allentamento quantitativo con il quale si designa una delle modalità con cui avviene la creazione di moneta da parte di una banca centrale e la sua iniezione nel sistema finanziario ed economico detto pure denaro facile ,che ormai tutte le principali banche mondiali hanno messo in atto a partire dal 2009 .La Fed (Banca centrale americana) è stata l’apripista e molto probabilmente sarà anche quella che chiuderà per prima questo esperimento nato per far uscire le economie dalla grande crisi dei mutui subprime scoppiata nel 2008 .
Le immissioni di liquidità con le quali le banche centrali acquistano titoli di stato e non solo hanno avuto il merito di mantenere bassi il più possibile i tassi di interesse per rendere il denaro meno caro e agevolare il più possibile l’utilizzo del credito .
Se pensiamo che in appena tre anni in Italia i rendimenti dei Btp a 10 sono passati da oltre il 6% a poco più del 1% ci rendiamo conto di quanto sia stato il risparmio sugli interessi per le finanze italiane, un po’ meno per i risparmiatori .

Ricordiamoci inoltre che un eventuale rialzo dei tassi di interesse provocherebbe un disastro ancora più grande

Ma allora che possibilità di investimento hanno i miei clienti attuali e futuri ?.Devono accontentarsi dei “prefissi telefonici”?

image

Assolutamente no !!!.Le soluzioni fortunatamente ci sono ,non sono facili ma come detto nel mio precedente articolo del 20 ottobre solo la calma e il rispetto di alcune regole permetterà di ottenere delle remunerazioni soddisfacenti e in linea con gli obiettivi prefissati .

Ricordatevi che quando si investe bisogna essere pazienti: non si produce un bambino in un mese mettendo incinta nove donne (cit. Warren Buffett).




Iscriviti alla mia Newsletter!

Riceverai aggiornamenti su nuovi articoli, strumenti e spunti di riflessione dal mio blog.


logo

Contatti

Telefono:
+39 0776 323811
Cellulare:
+39 3483388850
E-mail:
info@alessandrogambelli.it

Indirizzo

Consulente finanziario Cassino - Alessandro Gambelli

via E. De Nicola 327
Cassino (FR)